SiciliAntica scrive 

SiciliAntica: S.O.S. Sicilia, patrimonio culturale in "via di estinzione"?

Condividi questo articolo

SiciliAntica: S.O.S. Sicilia, patrimonio culturale in "via di estinzione"?

La domanda sorge spontanea se, da qualche tempo a questa parte, digitando "Beni culturali siciliani" nei motori di ricerca più noti e diffusi del web, si trovano innumerevoli articoli che denunciano il gravissimo stato di degrado del patrimonio culturale siciliano (che non risparmia nessuna area dell'Isola) e nei quali viene data voce sia ad esponenti di spicco del mondo della cultura e della politica, sia a diverse Associazioni di volontariato che da sempre hanno a cuore il futuro delle testimonianze del nostro passato. Anche SiciliAntica, un'Associazione culturale che da vent'anni opera nel territorio siciliano per la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali isolani, ha affrontato il problema in numerose occasioni, tentando peraltro di dialogare con le Istituzioni Regionali preposte, proponendo soluzioni che non hanno mai ricevuto alcun riscontro concreto. Di recente l'Associazione ha presentato una petizione al Parlamento Europeo (si può leggere il testo in questo stesso sito web nella sezione "comunicati") per chiedere un suo urgente intervento sulla vexata quaestio e, nel documento, sono state elencate alcune criticità (Tempio di Segesta, Castello Svevo di Augusta, Duomo Normanno di Naro, Castello di Lombardia di Enna, Teatro Greco di Taormina, Torre di Isola delle Femmine, castelluccio di Gela, siti archeologici di Sofiana (Mazzarino), di Vassallaggi (San Cataldo), di Gibil Gabib (Caltanissetta), Villa romana del Tellaro a Noto), estrapolate da una lunga lista, che attestano una situazione veramente deprecabile, divenuta ormai intollerabile.

SiciliAntica ha anche denunciato lo stato di degrado, incuria e cattiva amministrazione in cui versano i sei siti UNESCO siciliani (Valle dei Templi di Agrigento, Villa romana del Casale di Piazza armerina, Pantalica, Val di Noto e isole Eolie) abbandonati all'aggressione continua, al disinteresse, alle inadempienze, al mancato rispetto degli impegni presi, al vuoto progettuale e di proposta per salvare e valorizzare questi patrimoni unici, che il mondo ci invidia.

Purtroppo, uno di questi "gioielli", il Castello di Augusta, è stato posto recentemente sotto sequestro dalla Procura di Siracusa, a seguito della denuncia di Italia Nostra, perché, secondo l'autorità giudiziaria, "i mancati interventi, relativi ai pericoli di crollo della struttura" hanno creato "un grave rischio per l'incolumità pubblica". Gli specialisti della Soprintendenza avevano più volte evidenziato, in maniera qualificata, che le lesioni esterne della struttura "sono dovute all'omissione dei lavori necessari che costituiscono la causa del deterioramento", ma la Regione non è mai intervenuta per mettere in sicurezza l'immobile. La denuncia, rileva la Procura di Siracusa, è "stata riscontrata" dagli accertamenti dei Carabinieri, delegati alle indagini. Il presidente della Regione, Rosario Crocetta e quattro dirigenti regionali sono indagati per omissione di atti d'ufficio, danneggiamento del patrimonio archeologico, storico e artistico e omissione di lavori in edifici che minacciano rovina.

Ma "la ciliegina sulla torta" in questo quadro che possiamo definire disastroso è la notizia, recente anche questa, che l'ARS ha approvato in bilancio una spesa per manutenzione e spese ordinarie pari a 3,5 milioni di euro per siti e musei (110 in tutto). Un investimento risibile che rende impossibile la gestione ordinaria, per non parlare della tanto sbandierata "valorizzazione" per la quale, manco a dirlo, non rimane neanche un euro. Questa è l'ennesima dimostrazione, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che, nonostante i ripetuti allarmi lanciati da più parti, il Governo Regionale continua a non rispondere e sembra non preoccuparsi assolutamente di quello che accade e che potrebbe accadere ai "tesori" della nostra Isola in un futuro prossimo, se non si corre subito ai ripari. Volere è potere: non è la mancanza di risorse, non è la mancanza di personale e non è neanche l'assenza di soluzioni e progetti che sta portando il patrimonio culturale siciliano verso "l'estinzione", ma è soltanto il totale disinteresse dei nostri governanti verso un settore che dovrebbe essere trainante per la zoppicante economia isolana.

Consiglio regionale

Componenti

Comunicati

A Sferro istituita una biblioteca intitolata a Salvatore Quasimodo

Convegno di Studi: Eracle in Sicilia. Oltre il mito: arte, storia, archeologia. Call for papers

Convegno itinerante - Territorio di VINO - cultura del vino nelle valli del Torto-Platani

Corso di Archeologia Subacquea organizzato da SiciliAntica

Cronocalata 2016 a Centuripe ( scarica bando e regolamento ).

Dalla sede di Enna importante comunicato su dei lavori al Castello di Lombardia

Domenica 12 giugno ha avuto luogo il consueto Raduno Regionale dell'Associazione.

Donazione di libri per biblioteche

Ecco il logo del ventennale di SiciliAntica. Scaricabile in formato immagine (.jpg) in allegato

Il Raduno annuale a Noto

Libertà di accesso, ricerca e riserva di pubblicazioni a carattere scientifico sul patrimonio culturale regionale.

Manifesto ufficiale del Ventennale di SiciliAntica

Per il centenario della morte di G. Pitrè - La tradizione popolare siciliana attraverso eredità culturali ed innovazione ( 1916-2016 )

Petizione - SiciliAntica scrive al Parlamento Europeo

Possibilità di scavi a Castellammare del Golfo per i soci di SiciliAntica. Domande entro il 31 Maggio 2015

Programma definitivo ( con modifiche)del Raduno Regionale 2016 a Ciminna (Pa). Si ricorda che le prenotazioni vanno effettuate entro il 5 giugno 2016.

Quote sociali 2015

Raduno Regionale

Raduno regionale - Noto 8 Giugno

Sabato 5 settembre u.s., l'Assemblea Regionale di SiciliAntica si è riunita a Enna per procedere al rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2015/2018.

Scavi e formazione didattica a Pizzo Monaco, Castellammare del Golfo

Sconto per i soci - Editore Sciascia

SiciliAntica aderisce alla richiesta di mantenere a Aidone gli argenti di Morgantina

SiciliAntica scrive

Terza edizione del concorso letterario LEKANE D'ORO - Centuripe

Un giorno nel Medioevo

Un giorno nell'antica Roma

Un'estate con SiciliAntica

La nostra polizza assicurativa

Attività

Archivio

Scavi archeologici

Pubblicazioni

Riviste

Volumi

Le nostre sedi nelle 9 province siciliane

News

16/12/2017

Consiglio e Assemblea Regionali - Mo ...

Domenica 17 dicembre p.v. s ...


18/11/2017

Sede di Catania meglio Parco che spo ...

SABATO 18 novembre< ...


28/10/2017

Sede di Catania escursione oasi del ...

SABATO 28 OTTOBRE Contrada ...


13/09/2017

Dedica votiva di un ginnasiarca

Sede di Centuripe


10/09/2017

Fossile marino di 80 milioni di anni ...

Sede di Sant'Angelo di Brolo


09/09/2017

Sede di San Michele di Ganzaria

le monete del Regno di Sicilia


08/09/2017

Sede di Piazza Armerina

Le conoscenze geografiche con ...


02/09/2017

Sede di Lentini Carlentini


22/08/2017

Gangitanus sculptor

Visita guidata alla scoperta d ...


20/08/2017

la monetazione di Agyrion

Sede di Agira – Domenica 20 ag ...


Leggi tutte le news

Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali

Tu sei qui: Home > Comunicati > SiciliAntica scrive 

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi ricevere regolarmente le nostre newsletter contenenti news aggiornate e informazioni, iscriviti compilando il form.

Seguici sui Social

Diventa un membro della Community di Siciliantica seguendoci online negli altri nostri canali

SiciliAntica - Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali
Via dei Giardini, 12 - 93100 Caltanissetta ( CL - Sicilia)
Cell. 320 3658799 - Contatti
Cod. Fiscale 93075130877

creazione sito web: CLIC - Consulenze per il Web Marketing
siti web ottimizzati a cura di: A. Argentati - Consulenze aziendali per Internet

Resta in contatto con SiciliAntica

Campagne di Delia Convento dei Frati Minori Cappuccini di Lentini