Relazione sugli scavi di Akrai (Palazzolo Acreide) 

La collaborazione tra SiciliAntica e l'Università di Varsavia si protrae dal 2009 (di Marta Fitula)


Condividi questo articolo

 -

AKRAI 2013


Nel ambito della Convenzione di collaborazione tra SiciliAntica e l'Istituto di Archeologia dell'Università di Varsavia, firmata il 22 febbraio 2013 a Caltanissetta e Varsavia, i soci dell'associazione insieme con gli studenti ed i docenti dell'Università hanno partecipato alle attività di scavo archeologico nel sito di Akrai (Palazzolo Acreide, Sr).


La terza campagna di scavo ha concluso la ricerca scientifica della Missione Italo- Polacca sotto la direzione della Prof. Roksana Chowaniec dall'Università di Varsavia in collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Culturali ed Ambientali di Siracusa rappresentata dalla dott.ssa Rosa Lanteri e dal dott. Lorenzo Guzzardi, Direttore del Parco archeologico di Eloro e Villa del Tellaro.
La collaborazione tra l'associazione e l'Università di Varsavia formalizzata quest' anno è iniziata nel 2009 con una serie di lezioni per gli studenti universitari dedicate alla fruizione e valorizzazione dei siti archeologici nella Sicilia sud-orientale.
Nel 2011 durante la conferenza internazionale organizzata dall'Università di Varsavia sul tema:
"Archeological Heritage: Methods of educations and popularizations " è stato illustrato il ruolo di SiciliAntica nell' ambito della divulgazione del patrimonio archeologico attraverso numerose iniziative fin dalla fondazione della associazione (l' articolo "The SiciliAntica Association and its activities in archeology education " è stato pubblicato nel 2012 in BAR,2443, Oxford ).


Nel 2010 i nostri soci hanno illustrato la storia antica di Siracusa durante la visita guidata degli studenti dal'Istituto di Archeologia di Università di Varsavia.
Questo anno alla campagna di scavo, iniziata il 2 settembre e finita il 18 ottobre, hanno partecipato 8 soci di SiciliAntica (in ordine alfabetico): Stefano Agnello, Martina Bellomo, Concetta Caruso, Enrica De Melio, Marta Fitula, Loredana Maieli, Lucia Nastasi, Elena Pizzo.
La ricerca consisteva sia nella attività di scavo sia nella documentazione scientifica: preparazione delle schede, disegno delle opere murarie, del sito, e dei reperti; misurazione con la stazione totale.
Lo scavo è stato effettuato sul sito dell' antica città di Akrai (in latino Acrae, Agris, Acrenses), citata nella "Guerra del Peloponneso" di Tucidide, il quale scriveva che Akrai e Kasmenai furono fondate dai Siracusani, Akrai settant'anni dopo la fondazione di Siracusa, cioè circa nel 664-663 a.C.
La città fu fondata su un altopiano dei Monti Iblei (Acremonte), tra i fiumi: Anapo, Tellaro e il Cassibile. Akrai è stata mensionata da Diodoro, come la città dipendente da Siracusa dopo la pace con Roma nel 263 a.C.
Qui, nel III sec. a.C. sono stati costruiti alcuni nuovi edifici importanti tra cui il teatro, il boulterion e il santuario (chiamato Santoni) dedicato alla dea Kybele . Secondo le fonti storiche durante la seconda guerra punica Ippocrate fu costretto di rifugiarsi ad Akrai. Acrae - facente parte delle stipendiariae civitates era obbligata a pagare il tributo a Roma. Cicerone la descrisse anche nelle Verrine.
Nel II sec. d.C. Akrai appare sulla carta di Claudio Tolomeo e nell'elenco dell'Itinerarium Antonini e sulla Tabula Peutingeriana come importante tappa della via Seliluntina, che conduceva da Siracusa a Lilybaeum.
Malgrado le indagini svolte da diversi studiosi (tra cui Tommaso Fazzello nel 500¡ il barone Judica nel 900, Julius Schubring, Paolo Orsi, Giuseppe Voza) la conoscenza della città si limita alla occupazione greca lasciando lacune dopo la conquista romana.
Lo scavo archeologico è stato preceduto da una serie di indagini non invasive dei dintorni di Acrai (survey- ricognizione della superficie) e sul sito di Akrai a partire dal 2009.


L'area archeologica sottoposta alle analisi geomagnetiche ha compreso in tutto 3,5 ettari.
I risultati della ricerca hanno permesso di creare un modello integrale dei dati digitali, in cui le singole zone tematiche sono complementari e spiegate reciprocamente. Grazie alle fotografie verticali sono stati creati i modelli tridimensionali delle strutture presenti nel sottosuolo.
Nell'ambito del progetto è stata inoltre proposta la ricostruzione tridimensionale del teatro di Akrai.
I risultati di queste ricerche sono stati presentati il 22 settembre 2012 durante una conferenza al Municipio di Palazzolo dal titolo "Quando il futuro incontra il passato. La tecnologia moderna nella ricerca archeologica del Siracusano", organizzata dalla Sede di Siracusa di SiciliAntica in collaborazione con il Comune, la Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Siracusa, il Parco archeologico di Eloro e l'Università di Varsavia. Inoltre sono stati mostrati dal consigliere Regionale dell'associazione Giuseppe Moschella diverse tecniche non invasive nella ricerca archeologica effettuate anche durante le attivitè svolte da SiciliAntica .
Nello stesso anno i volontari di SiciliAntica, insieme con i docenti ed i studenti dell'Università di Varsavia hanno partecipato alle attività di pulizia e diserbo dell'area archeologica di Akrai condotte dal Comune di Palazzolo Acreide.
Lo scavo archeologico è stato eseguito nella parte occidentale della antica città di Akrai., i nostri soci hanno lavorato nell' area di due saggi aperti per la verifica delle anomalie identificate durante la ricerca non invasiva.
Il saggio I a sud della via principale è stato successivamente allargato ottenendo le misure 20x 15.
Oltre le strutture murarie sono stati recuperati diversi reperti tra cui numerose spille in osso, lucerne, frammenti di terracotta, monete, ceramica sigillata.
I primi strati contenevano materiale archeologico attribuibile ai diversi periodi del sito (dal periodo greco al tardo antico). Invece il collocamento cronologico dei strati più profondi si riferisce ai primi secoli d.C. quindi all'età imperiale.


Tra le diverse attività svolte dai nostri soci sul saggio è stata particolarmente importante e meticolosa la conservazione della parete affrescata e dei frammenti dell'intonaco . Con lo stesso stupore abbiamo partecipato allo studio e la conservazione delle numerose monete rinvenute questo anno, anche grazie all' utilizzo del metal detector. Grazie alla preziosa collaborazione con gli scienziati dall'Università, i nostri soci hanno avuto la possibilità di lavorare insieme con i professionisti specializzati in diverse materie come p.e. paleozoologia, numismatica, produzione del vetro e la ceramica.
Questo anno il saggio II situato al Nord Ovest è stato allargato verso Sud. Qui risultava un cambiamento dell'andamento della strada provocato, probabilmente, dalla presenza di grandi sassi di natura vulcanica.
Durante questa campagna di scavo, dai due saggi abbiamo recuperato circa 700 reperti in metallo, osso, vetro, terracotta e numerosi frammenti di ceramica di vario tipo.


Dopo la conclusione della campagna della Missione Italo - Polacca tutti i reperti sono stati elaborati in modo scientifico, schedati, documentati e conservati e sono stati trasferiti nelle strutture del Museo Civico di Noto e sottoposti alla custodia del Servizio del Parco archeologico di Eloro.
Giorno 19 ottobre con la visita a Casale degli Angeli nella località Santa Lucia, la base della Missione e luogo dello studio dei reperti, da parte del Vicepresidente Regionale di SiciliAntica, Arch. Giuseppe Lo Porto ed del Consigliere Regionale Costantino Tropea abbiamo chiuso ufficialmente la campagna di scavo.
La campagna Akrai 2013 è stata arricchita grazie al prezioso intervento del Prof. Davide Tanasi dalla Arcadia University, The College of Global Studies, partner della associazione dal 22 aprile 2013 e la presentazione dello spettacolo multimediale Siracusa 3D Reborn, un viaggio virtuale nella Siracusa greca.
La collaborazione con questa Università Americana in maniera continua consiste attualmente in una serie di lezioni agli studenti dedicate alla Sicilia romana nel periodo imperiale.
Nel corso della preparazione insieme con i partner di SiciliAntica sono diverse attività comprendente conferenze, mostre, scavi e ricerche scientifiche non solamente a livello regionale ma anche internazionale con lo scopo di valorizzazione del patrimonio archeologico, culturale ed ambientale della Sicilia.
Per ulteriori approfondimenti sui nuovi scavi ad Akrai ci si puù collegare al sito: http://www.akrai.uw.edu.pl/


Marta Fitula - Consigliere Regionale di SiciliAntica

Consiglio regionale

Componenti

Comunicati

La nostra polizza assicurativa

Attività

Archivio

Scavi archeologici

Area Archeologica delle Mura dionigiane ad Adrano. Aprile-Maggio 2013

Bando di partecipazione scavi di Monte Giulfo 2014

Gli scavi a Monte Giulfo presso Villarosa (Enna) - Agosto 2013

Gli scavi di Agira (EN) anni 2008-2010. L'abitato e la necropoli

Kentoripa 14 - Valorizzazione dell'area archeologica detta Augustales a Centuripe PROROGA

Paternò, Contrada Pietralunga - Luglio 1997

Relazione sugli scavi di Akrai (Palazzolo Acreide)

Evento regionale - "Un giorno nell'antica Roma"

Pubblicazioni

Riviste

Volumi

Le nostre sedi nelle 9 province siciliane

News

06/05/2017

Isola Pulita : Colonna Pizzuta


23/04/2017

Sede di Caltagirone : visita guidata ...

SiciliAntica Sede di Caltagir ...


29/03/2017

Alla scoperta di Bronte

Pro Loco Bronte, CAI Bronte e ...


24/03/2017

la terra trema

Sede di Catania Venerdì 24 m ...


18/03/2017

Celebrazione del Ventennale della Se ...

La Sede di Bronte-Maletto ...


14/03/2017

Sede di Caltanissetta

Inaugurazione della Mostra "Ab ...


11/03/2017

Vent'anni con la Sede SiciliAntica d ...

Il programma prevede il raduno ...


10/03/2017

Sede di Castellammare del Golfo

In occasione della Giornata na ...


09/03/2017

Vent'anni con SiciliAntica a Paternò

giovedì 9 marzo, alle ore 16 p ...


05/03/2017

Il santuario di Adrano

Sede di Adrano - domenica 5 ma ...


Leggi tutte le news

Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali

Tu sei qui: Home > Scavi archeologici > Relazione sugli scavi di Akrai (Palazzolo Acreide) 

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi ricevere regolarmente le nostre newsletter contenenti news aggiornate e informazioni, iscriviti compilando il form.

Seguici sui Social

Diventa un membro della Community di Siciliantica seguendoci online negli altri nostri canali

SiciliAntica - Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali
Via dei Giardini, 12 - 93100 Caltanissetta ( CL - Sicilia)
Cell. 320 3658799 - Contatti
Cod. Fiscale 93075130877

creazione sito web: CLIC - Consulenze per il Web Marketing
siti web ottimizzati a cura di: A. Argentati - Consulenze aziendali per Internet

Resta in contatto con SiciliAntica

privacy policy | mappa sito | link

Pagina Facebook SiciliAntica Guarda i nostri video su YouTube
Campagne di Delia Convento dei Frati Minori Cappuccini di Lentini