Paternò, Contrada Pietralunga - Luglio 1997 

Scavi condotti dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania hanno riportato alla luce pregevoli pezzi archeologici e tracce di antichi insediamenti umani nel territorio paternese.


Condividi questo articolo

 -

Sull'importanza delle scoperte abbiamo chiesto ai responsabili della Soprintendenza di fare il punto sulla situazione.

Alla dott. Maria grazia Branciforti (direttrice della Sezione Archeologica della Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania) è stato chiesto:

Quali sono le attività svolte dalla Soprintendenza nel territorio di Paternò?

Dal 1994 la Sezione Archeologica della Soprintendenza si è mossa su diversi fronti allo scopo di indagare e tutelare le numerose ed importanti aree archeologiche del territorio di Paternò fino ad allora ingiustamente trascurate.

Una delle prime iniziative è stata quella di trasmettere al Comune la delimitazione di tutte le aree archeologiche con l'obbiettivo di rendere, con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale, il più possibile incisiva la difesa dei siti archeologici.

Un altro fronte si è aperto nella lotta agli scavi clandestini che infatti sono diminuiti in numero e in gravità grazie in particolare alla fruttuosa collaborazione instaurata con tutte le forze dell'ordine che operano a Paternò. Infine si sono avviate alcune indagini di scavo approfondite in particolare nei due siti che hanno dato i risultati più promettenti e cioè l'insediamento preistorico di San Marco, i cui lavori sono diretti dalla Dott.ssa Laura Maniscalco funzionario responsabile di zona, e l'insediamento pre-e protostorico di Monte Castellaccio in c.da Pietralunga per il quale ci si avvale della collaborazione del prof. Brian E. McConnell della Brown University.

I risultati degli scavi sono stati illustrati in convegni specialistici sia in Italia che all'estero e a Paternò sono stati presentati annualmente in pubbliche conferenze. Grazie all'iniziativa del Distretto Scolastico XXIII, presieduto dal Prof. Alfio Ciccia, su Pietralunga l'anno scorso sono stati inoltre realizzati un libro ed un video di taglio didattico indirizzati alle scuole ed è attualmente in elaborazione una analoga iniziativa relativamente all'acquedotto romano.

Nel futuro si programma di acquisire al demanio almeno il sito di Monte Castellaccio in modo da creare un'area archeologica fruibile al pubblico. Purtroppo il nostro lavoro è reso arduo dall'inadeguatezza dei fondi assegnati annualmente alla Sezione Archeologica e, ancora di più dalla inadeguatezza numerica del personale tecnico di cui disponiamo. Ammirevole, d'altra parte, è stato l'aiuto fornito in diverse occasioni da SiciliAntica".

Al Prof. Brian McConnell sono state formulate alcune domande sugli scavi di Monte Castellaccio di Pietralunga:

"Sono stati individuati - ha risposto il prof. McConnell - resti di un abitato compreso tra l'antica età del bronzo (2000-1400 a.C.) e il V sec. a.C. Soprattutto importante è la possibilità che offre Pietralunga di illustrare l'evoluzione dell'architettura protostorica da forme che ricordano il tipo di capanna tradizionale a forme più evolute di edifici realizzati in muratura di pietrame comprendenti diversi ambienti.

È anche possibile vedere in questo cambiamento l'influenza dei greci che in quegli anni andavano insediandosi lungo la costa ionica.

I reperti rinvenuti comprendono gli oggetti di uso comune che costituivano il corredo e l'arredamento delle capanne. Abbiamo grandi contenitori per l'immagazzinamento delle derrate alimentari, orzo e grano in particolare rintracciati in grande quantità, vasellame da mensa come coppe ed hydriai (a volte con decorazione geometrica).

La maggior parte dei reperti che abbiamo recuperato sono stati frantumati dai processi geologici e climatici, ma speriamo che una campagna di restauro ci permetta di ricostruire diversi oggetti in uso all'epoca.
Non abbiamo trovato finora neanche una moneta probabilmente perché l'insediamento fioriva in un periodo pre-monetale quando si usava lo scambio a baratto o altri modi di commercio".

Quale sensazione si prova a scoprire reperti antichi di molti secoli? Ritrovare qualcosa nascosto dal tempo provoca una grandissima emozione e nello stesso tempo un senso di responsabilità nei riguardi dei resti stessi e del loro significato storico.

Scarica gli allegati

Consiglio regionale

Componenti

Comunicati

La nostra polizza assicurativa

Attività

Archivio

Scavi archeologici

Area Archeologica delle Mura dionigiane ad Adrano. Aprile-Maggio 2013

Bando di partecipazione scavi di Monte Giulfo 2014

Gli scavi a Monte Giulfo presso Villarosa (Enna) - Agosto 2013

Gli scavi di Agira (EN) anni 2008-2010. L'abitato e la necropoli

Kentoripa 14 - Valorizzazione dell'area archeologica detta Augustales a Centuripe PROROGA

Paternò, Contrada Pietralunga - Luglio 1997

Relazione sugli scavi di Akrai (Palazzolo Acreide)

Evento regionale - "Un giorno nell'antica Roma"

Pubblicazioni

Riviste

Volumi

Le nostre sedi nelle 9 province siciliane

News

13/09/2017

dedica votiva di un ginnasiarca

Sede di Centuripe


10/09/2017

fosille marino di 80 milioni di anni ...

Sede di Sant'Angelo di Brolo


09/09/2017

Sede di San Michele di Ganzaria

le monete del Regno di Sicilia


08/09/2017

Sede di Piazza Armerina

Le conoscenze geografiche con ...


02/09/2017

Sede di Lentini Carlentini


22/08/2017

Gangitanus sculptor

Visita guidata alla scoperta d ...


20/08/2017

la monetazione di Agyrion

Sede di Agira – Domenica 20 ag ...


11/08/2017

i segreti del mare

Sede di Noto – venerdì 11 agos ...


05/08/2017

Museo dello Sbarco

Sede di Catania – Sabato 5 ago ...


04/08/2017

aspettando i barbari

Sede di Piazza Armerina – Vene ...


Leggi tutte le news

Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali

Tu sei qui: Home > Scavi archeologici > Paternò, Contrada Pietralunga - Luglio 1997 

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi ricevere regolarmente le nostre newsletter contenenti news aggiornate e informazioni, iscriviti compilando il form.

Seguici sui Social

Diventa un membro della Community di Siciliantica seguendoci online negli altri nostri canali

SiciliAntica - Associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali
Via dei Giardini, 12 - 93100 Caltanissetta ( CL - Sicilia)
Cell. 320 3658799 - Contatti
Cod. Fiscale 93075130877

creazione sito web: CLIC - Consulenze per il Web Marketing
siti web ottimizzati a cura di: A. Argentati - Consulenze aziendali per Internet

Resta in contatto con SiciliAntica

privacy policy | mappa sito | link

Pagina Facebook SiciliAntica Guarda i nostri video su YouTube
Campagne di Delia Convento dei Frati Minori Cappuccini di Lentini